Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

La forza del fantastico. Retrospettiva Vito Campanella

Data:

04/10/2018


La forza del fantastico. Retrospettiva Vito Campanella

Mostra in omaggio al rinomato artista italiano Vito Campanella che presenterà un viaggio che parte dalle sue prime opere, passando poi per un periodo di astrazione e per un altro surrealista fino ad arrivare alle sue ultime opere, del 2014.

Vito Campanella nasce il 17 ottobre del 1932, a Monopoli, Italia. La sua infanzia fu attraversata dall'esperienza della Seconda Guerra Mondiale, dalla quale recupererà un immaginario proficuo che porterà alla creazione artistica. Fin da giovane si interessa all'arte e partecipa a laboratori di pittura. Alla giovane età di 14 anni fa i primi passi come artista.

Nel 1948 conquista il suo primo premio, “Pittura delle Regioni”, a Napoli. In seguito, decide di trasferirsi a Firenze, dove, tramite lo scultore G. Rossi, conosce il suo grande maestro, Giorgio De Chirico. Cosí, Campanella fa il suo ingresso nel mondo metafisico e trova il suo orientamento pittorico in una corrente filosofica molto vicina all'allora in voga surrealismo.

A 20 anni, riceve il Secondo Premio Acquisto, nel Salone dei Giovani Pittori di Bari. Tempo dopo, quando è già a Roma, fa amicizia con Salvador Dalí, rapporto che risulterà di grande importanza nel consolidamento di una visione originale e propria.

Risiede per un periodo a Milano, dove frequenta i corsi di anatomia presso l'Accademia di Belle Arti di Brera. Infine, decide di trasferirsi in Argentina, dato che la sua famiglia era emigrata lí tempo prima.

Nel 1959, realizza la prima esposizione nel suo nuovo paese e aderisce al movimento plastico locale come latinoamericano, senza abbandonare i rapporti con i centri artistici europei piú importanti. L'anno 1962 è decisivo per la sua carriera, poiché riesce a concentrarsi esclusivamente sulla pittura. Nel 1968 organizza una mostra nella Galleria Witcomb che gli conferisce totale riconoscimento.

A partire da allora, Campanella lavora alla realizzazione di varie serie che definiscono i suoi vettori artistici e interessi piú profondi. In queste, spiccano temi associati all'esoterismo, ai sogni e alle tradizioni. Cosí, alcune delle serie sono dedicate (e ne portano anche il nome) agli Unicorni, all'Alchimia, ai Tarocchi, ai Musicisti Cosmici, agli Scacchi, ai suoi Grandi Maestri, Martín Fierro, tra gli altri.

Inaugurazione: 4 ottobre, ore 19.00 hs. La mostra rimarrà in esposizione fino al 23 ottobre

 

Entrada libre con inscripción previa obligatoria a través del siguiente link. RESERVÁ TU ENTRADA

 

Informazioni

Data: Da Gio 4 Ott 2018 a Mar 23 Ott 2018

Orario: Alle 19:00

Organizzato da : Istituto Italiano di Cultura

Ingresso : Libero


Luogo:

Instituto Italiano de Cultura, Sala Roma

1980