Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Settimana della lingua italiana: Letteratura e identità. Incontro con Simonetta Agnello Hornby

Data:

11/10/2018


Settimana della lingua italiana: Letteratura e identità. Incontro con Simonetta Agnello Hornby

Nel corso dell’incontro Simonetta Agnello Hornby si soffermera’ su alcuni temi centrali della sua opera narrativa: titolare di una doppia appartenenza, quella alle sue origini siciliane e quella alla sua patria adottiva, l’Inghilterra, la scrittrice indaga il tema dell’identita’ attraverso i suoi personaggi, incaricati a loro volta di ricercare la loro vocazione nei vari contesti storici che fanno da sfondo ai suoi romanzi. Complessi intrecci narrativi ed una moltitudine di vividi personaggi sapientemente costruiti, costituiscono gli ingredienti salienti di una narrativa sontuosa, che si incanala nella tradizione del grande romanzo italiano.

Simonetta Agnello Hornby irrompe nel mondo letterario nel 2002 con il suo primo romanzo La mennulara, che segna l’inizio di una brillante produzione letteraria che conta ad oggi piu’ di venti titoli tradotti in altrettante lingue. Il suo ultimo romanzo tradotto in spagnolo e’ Cafe amargo, ed. Tusquets.

Modera: Luciana Zollo

Luciana Zollo è laureata in Lettere Classiche all'Università "La Sapienza" di Roma. Residente a Buenos Aires dal 1986, lavora come ricercatrice, traduttrice e come docente di letteratura e di formazione metodologica nell'insegnamento bilingue e interculturale.

IN LINGUA ITALIANA CON TRADUZIONE SIMULTANEA ALLO SPAGNOLO.

Evento in collaborazione con la cattedra Lectura Mundi dell’Università Nazionale di San Martín e con il FILBA.

Ingresso gratuito previa registrazione obbligatoria al seguente link. PRENOTA IL TUO POSTO

Informazioni

Data: Gio 11 Ott 2018

Orario: Alle 18:30

Organizzato da : Istituto Italiano di Cultura

In collaborazione con : Cátedra Lectura Mundi, Univ. de San Martín y FILBA

Ingresso : Libero


Luogo:

Instituto Italiano de Cultura, Salón Benedetto Croce

1988