Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Ciclo Los Descendientes - Luis Brandoni

Data:

11/04/2019


Ciclo Los Descendientes - Luis Brandoni

A cura del giornalista LUIS MAZAS.

Primo appuntamento dell'anno con "Los Descendientes", ciclo di interviste a grandi personalità di origine italiana parti del mondo dello spettacolo e della cultura argentina. Invitato dall'Istituto in questa occasione sarà l'attore Luis Brandoni, che in un dialogo con il giornalista e curatore del ciclo, Luis Mazas, condividerà un viaggio attraverso la sua carriera artistica alla luce delle sue origini italiane.

 

Per prenotare il tuo posto all'evento, click QUI

LUIS BRANDONI

Nacque il 18 aprile 1940 a Dock Sud, come gli piace dire. Personalità di spicco della cultura. Attore di cinema, teatro e tv. Politico.

La sua carriera nella recitazione inizia negli anni '60, col debutto a teatro nel 1962 e l'anno seguente in TV, appartenendo allora all'elenco della Commedia Nazionale Argentina.

e comparso in film memorabili e in serie nazionali di successo, come la recente ficcion prodotta da TNT, Underground e Telefé, “Un Gallo para Esculapio”.

Attualmente conduce insieme a Sandra Guida, "La hora del tango", tredici capitoli con la produzione del Sistema Federal de Medios y Contenidos Públicos. Può essere vista tramite i media digitali di Televisión Pública e la piattaforma Cont.ar.

Al cinema: "Doria" (in post-produzione); "Mi obra maestra" (2018) di Gastón Duprat (con Guillermo Francella) - selezionata per la 75° edizione del Festival di Venezia nella sezione ufficiale -. “Baldío”. Solo se vive una vez (2017). La sua lunga carriera nel cinema include prestigiosi film come “Esperando la carroza” (1985); “Darse cuenta” (1984); “Juan que reía” (1976); “Gente en Buenos Aires” (1974); ”La tregua” (1974); “La Patagonia rebelde” (1974).

A teatro ha realizzato una memorabile carriera che include testi come “Justo en lo Mejor de Mi Vida” del quale è autore. Come interprete spiccano: “Parque Lezama” (lasciata da un'opera de Herb Gardner, adattata e diretta da Juan José Campanella); “La nona” e “Gris de ausencia” (Roberto Cossa); “L'uomo col fiore in bocca” Luigi Pirandello); “Un nemico del popolo” (Ibsen); “Jettatore” e “Stefano” (Discépolo); “Le donne sapienti” (Moliere); “Conversaciones con mamá” (Santiago Carlos Oves, insieme a Pepe Soriano). “Don Arturo Illia” (Eduardo Rovner); “El gran deschave”; “La Celestina” (Hernando de Rojas); “Come vi piace” (Shakespeare), “Rosencrantz y Guildenstern sono morti (s/Shakespeare); “La pucha” (O. Viale); o “El hombre inesperado” (Yasmina Reza), “Doña Rosita la soltera (García Lorca) e “Caballero de Indias” (Rosenmacher).

Ha ottenuto i premi Martín Fierro 1970, 1990 e 1993; Cóndor de Plata 1987 e 1991;); Pepino el 88 (Premio Nazionale di Teatro, Biennio 1981-82); Estrella de Mar 1981, 1983 e 2008 e Premio Prensario (Miglior attore di teatro, 1980-1984) e Martín Fierro (Miglior Attore di Commedia di TV, 1993). Premio Konex - Diploma al Merito Attore di Commedia Cinema e Teatro Carriera decade 1981-1990.

Fu Segretario Generale dell'Associazione di Attori (1972-83), Assessore Presidenziale dell'Area Culturale (1973-84), Presidente del Bloque Latinoamericano de Artistas (1073-84), Vicepresidente della Federazione Internazionale di Attori (1974-2004), Presidente della Commissione della Cultura del Comitato Nazionale della UCR (1994) e Deputato Nazionale perla Provincia di Buenos Aires (1997-2001). Candidato a Senatore nel 2003 e a Vicegovernatore nel 2005 (UCR).

 

 

Informazioni

Data: Gio 11 Apr 2019

Orario: Alle 18:30

Organizzato da : Istituto Italiano di Cultura

In collaborazione con : Luis Mazas

Ingresso : Libero


Luogo:

Istituto Italiano di Cultura, Salone Benedetto Croce

2043