Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

La Biblioteca

 

La Biblioteca

La nostra Biblioteca si è duplicata

Grazie all'accordo sottoscritto con Media Library online (MLOL) è ora possibile accedere, oltre che alla nostra tradizionale Biblioteca cartacea "Benedetto Croce", ad una biblioteca digitale che offre un catalogo aperto di oltre 2.600.000 risorse e un catalogo a pagamento di oltre 55.000 libri digitali, entrambi in continuo aumento.

Migliaia di libri digitali di diversi argomenti, fra cui narrativa, poesia, scienze umane, storia, filosofia, politica, religione, ecc ed un cospicuo numero di spartiti musicali, mappe, manoscritti, periodici scientifici, immagini, videogiochi, ecc.

Il catalogo a pagamento è riservato ai nostri soci, che possono accedervi con qualsiasi dispositivo con accesso ad internet (tablet, pc, telefono). Insomma, un mondo di libri a portata di mano.

Per associarsi e beneficiare di questi ed altri servizi CLICCA QUI

 

 

La Biblioteca "Benedetto Croce", ricca di numerose e varie collane di libri che vanno dall’arte alla letteratura, dalla musica alla linguistica, dalla scienza alla saggistica, rappresenta uno strumento unico per gli studiosi argentini di italianistica e di altre materie. La stessa si costituisce nei primi anni cinquanta allorquando il Governo italiano decide di istituire l’Istituto Italiano di Cultura di Buenos Aires. In essa confluiscono fondi e donazioni di privati, oltre che libri dovuti al costante invio di materiale bibliografico da parte del Ministero Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

Al suo interno è stato individuato un interessante fondo che è stato denominato come “fascista” in quanto nel medesimo sono confluiti testi che, durante tutti gli anni trenta furono inviati dal regime fascista in Argentina col fine di diffondere l’ideologia alla quale questo si ispirava presso gli italiani che vivevano da questa parte dell’Atlantico.
Terminato il delicato lavoro di catalogazione e ricatalogazione che è durato circa quattro anni, la biblioteca è nuovamente e totalmente disponibile a ricevere il pubblico e a mostrare, attraverso la catalogazione informatica alla quale è stata sottoposta, tutto il materiale bibliografico di cui dispone. Il nuovo, sarà un sistema efficiente e integrato che risponderà in tempi rapidi alle esigenze del visitatore contribuendo, così, in maniera determinante alla diffusione della cultura italiana in Argentina. 

Accedi al catalogo e alle altre risorse virtuali


riapre la biblioteca

 

Norme per l'uso della Biblioteca e della Videoteca:

L’uso del materiale della biblioteca nella sala di lettura é gratuito. 

Per prestiti esterni é necessario essere socio dell’Istituto Italiano di Cultura di Buenos Aires.

L'associazione all'IIC sará rinnovata con cadenza annuale. Vi preghiamo di visitare a questo scopo il link "Soci e amici"

Il materiale di consultazione, come dizionari, enciclopedie, periodici e riviste specializzate, è consultabile solo all’interno della Biblioteca. Altrettanto succede con il Fondo librario del Fascismo.
 

Condizioni di associazione:

Le condizioni di associazione all'Istituto Italiano di Cutura si trovano nel seguente link del nostro sito web.

I cambi di domicilio dovranno essere comunicati immediatamente.

Possono essere concessi in prestito solo i volumi che, al momento della richiesta, risultino come già catalogati. In caso contrario, detti volumi potranno essere consultati solo in sala. 


Prestiti:

Materiale Durata Rinnovo Quantità
Libri 2 settimane 2 settimane Fino a 4 opere
Video / DVD 1 settimana Non è possibile Fino a 4

In caso di prestiti a domicilio, il socio si impegna a non copiare il materiale video e i libri mediante fotocopie o con altri mezzi elettronici, poiché i predetto materiale é protetto dai diritti di autore.

Restituzione fuori termine:

Gli utenti che restituiranno o rinnoveranno con ritardo per più di tre volte le opere date in prestito saranno esclusi temporaneamente o definitivamente dall’associazione alla Biblioteca.


43