Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Informazioni utili per i vincitori delle borse di studio del MAECI

 

Informazioni utili per i vincitori delle borse di studio del MAECI

SI PREGA DI LEGGERE CON ATTENZIONE QUESTI DATI UTILI PER I VINCITORI DELLE BORSE DI STUDIO DEL MAECI E, NEI LIMITI DEL POSSIBILE, STAMPARLI

PRIMA DI PARTIRE

I cittadini argentini vincitori di una borsa di studio in Italia o di un progetto in co-tutela di una durata superiore ai 90 gg dovranno richiedere IL VISTO PER MOTIVI DI STUDIO presso il Consolato Generale d'Italia.

Per poter iniziare questa pratica, il borsista dovrà chiedere un turno on-line sul sito del Consolato Generale d'Italia di Buenos Aires.

Il giorno fissato per il suo appuntamento, l'interessato dovrà presentare la seguente documentazione:

  • formulario per la domanda del visto d'ingresso (visualizza),
  • fotografia recente in formato tessera
  • documento di viaggio in corso di validità con scadenza superiore di almeno tre mesi a quella del visto richiesto
  • dimostrazione della disponibilità in Italia di un alloggio: prenotazione alberghiera, dichiarazione di ospitalità
  • la "LETTERA D'ASSEGNAZIONE DI BORSA DI STUDIO DEL MAECI" rilasciata dall'Ambasciata, la quale garantisce il sostentamento stabilito per il periodo della borsa, l'assicurazione sanitaria e l'attività di studio che il borsita realizzerà durante quel periodo. 

Conviene che il borsista approfitti, prima della partenza, per anticipare il rilascio del Codice Fiscale italiano (paragonabile al CUIT/CUIL argentino). Anche questa pratica si realizza presso il Consolato Generale d'Italia a Buenos Aires ed è indispensabile per poter aprire  un conto bancario sul quale il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale procederà a versare le mensilità della borsa di studio. Si ricorda che una volta ottenuto il codice fiscale e aperto il conto bancario (ossia dopo l'arrivo in Italia) si dovrá compilare la Dichiarazione sostitutiva qui allegata e mandarla alla mail del funzionario del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale responsabile per l'Argentina, che è la Dott.ssa Susi Baldasseroni (susi.baldasseroni@esteri.it).

Consolato Generale d'Italia in BUENOS AIRES

Reconquista 572 - (C1003ABL) Buenos Aires
0054.11.41144800
www.consbuenosaires.esteri.it
visti.buenosaires@esteri.it

 

INFORMAZIONI UTILI PER IL SOGGIORNO IN ITALIA

1. DICHIARAZIONE DI AUTOCERTIFICAZIONE E IBAN

All’arrivo in Italia, si dovrà compilare e restituire LA DICHIARAZIONE DI AUTOCERTIFICAZIONE (Modulo di dichiarazione sostitutiva di certificazione per vincitori di borsa), debitamente datata e debitamente firmata. Il documento è SCARICABILE QUA. L'autocertificazione deve essere inviata il prima possibile - entro quindici giorni dall'arrivo – al referente del proprio paese all’Ufficio VII DGSP. L'elenco completo dei contatti è disponibile alla pagina del Bando (https://studyinitaly.esteri.it/it/node/30). Il funzionario responsabile per l'Argentina è la Dott.ssa Susi Baldasseroni (susi.baldasseroni@esteri.it)

Si tenga presente che se la dichiarazione non perviene entro il primo mese in Italia, l'elaborazione del pagamento della borsa potrebbe essere ritardata.

Per completare la dichiarazione, è necessario il codice fiscale italiano e un conto bancario / conto italiano Poste Italiane (con il numero IBAN).

2. IL CODICE FISCALE ITALIANO

Il Codice Fiscale italiano (Codice Fiscale) è un codice alfanumerico di 16 caratteri fornito dall'Agenzia delle Entrate (http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/portal/entrate/home) per identificare i cittadini italiani e i residenti stranieri nei rapporti con le pubbliche amministrazioni. La richiesta può essere fatta presso qualsiasi ufficio locale dell'Agenzia delle Entrate. (http://www1.agenziaentrate.gov.it/strumenti/mappe/mappeg.php).

Bisogna portare con sé il passaporto valido e, se si proviene da un paese extra UE, l’attestazione del permesso di soggiorno. Verrà fatto compilare un modulo di richiesta. Si prega di essere molto attenti quando si indicano i propri dati biografici.

Il codice fiscale è necessario per:

• aprire un conto bancario;
• firmare qualsiasi tipo di contratto (noleggio, linea telefonica, ...);
• registrarsi presso il Servizio Sanitario Nazionale (SSN).

3. APERTURA DI UN CONTO BANCARIO ITALIANO

Per ricevere il pagamento della borsa, bisogna assicurarsi di aprire un conto corrente regolare e NON un altro tipo di servizio bancario che offra servizi di pagamento, come la carta prepagata. L'unica eccezione sono le carte prepagate con un IBAN - International Bank Account Number.

Il proprio conto bancario italiano deve avere:

• IBAN, numero di conto bancario internazionale (noto anche come Clabe o Aba a seconda del Paese), che è un codice alfanumerico che identifica il tuo conto bancario;
• BIC, Bank Identifier Code / SWIFT, necessario per inviare denaro in tutto il mondo.

Per aprire un conto bancario è necessario avere un documento d'identità valido e il codice fiscale italiano.

4. POSTE ITALIANE

"Poste Italiane" è il servizio di posta nazionale e, oltre ai tradizionali servizi postali, offre anche servizi bancari. Per ulteriori informazioni sui servizi offerti, gli indirizzi degli Uffici e gli orari di apertura, visitare www.posteitaliane.it.

5. PERMESSO DI SOGGIORNO

Se sei cittadino extracomunitario devi richiedere il permesso di soggiorno entro 8 giorni lavorativi dal tuo arrivo in Italia. Puoi presentare la domanda presso l'ufficio postale della tua città di residenza in Italia (quelli con un cartello “Sportello Amico”). All'ufficio postale ti verrà fornito un kit contenente il modulo di domanda (MODULO 1) e le istruzioni. La domanda di permesso di soggiorno ha un costo indicativo di € 150.

Oltre alla domanda, è necessario anche presentare la seguente documentazione:

1. Un bollo da 16,00 € (marca da bollo che puoi acquistare presso le Tabaccherie);
2. Copia del tuo passaporto con visto e pagina coi dati personali;
3. Una copia della polizza di assicurazione sanitaria; l'assicurazione sanitaria acquistata all'estero deve essere convalidata dall'Ambasciata italiana nel tuo paese (se non già in inglese). Puoi anche acquistare l'assicurazione sanitaria al tuo arrivo in Italia;
4. Lettera di accettazione da parte dell’università;
5. Prova delle risorse finanziarie per sostenere il soggiorno in Italia

6. Copia del documento "dichiarazione di assegnazione" della propria borsa di studio.

Per maggiori informazioni, si consulti il seguente sito web: https://www.portaleimmigrazione.it/ImmigrazioneNET/APR_PDS_Motivi_Studio.aspx

Si consiglia di controllare l'elenco dei documenti da presentare all'ufficio postale prima di presentare domanda.

Presso l'ufficio postale verrà rilasciata una ricevuta che certifica la propria richiesta di permesso di soggiorno. Dopo aver inviato la domanda, si verrà chiamati per le impronte digitali dalla Questura locale. Per verificare se il permesso di soggiorno è pronto per essere ritirato, si può controllare il sito web della Polizia di Stato (http://www.poliziadistato.it/articolo/15002/) o il portale Immigrazione (https://www.portaleimmigrazione.it/ELI2ImmigrazioneWEB/Pagine/StartPage.aspx).

6. ASSICURAZIONE SANITARIA

Nella sezione “Vivere in Italia” del Portale https://studyinitaly.esteri.it/it/vivere-in-italia), si possono trovare informazioni sull'assicurazione sanitaria fornita dal Governo italiano, nonché i moduli di richiesta per il rimborso in caso di infortuni e malattie coperti da assicurazione. Ti invitiamo a leggere attentamente i termini e le condizioni del programma di assicurazione. L'assicurazione del governo italiano sarà fornita solo per la durata della borsa. Se si decide di rimanere più a lungo in Italia dopo la fine della borsa, sarà necessario acquistare un'assicurazione sanitaria.

In caso di emergenza, è possibile contattare il 118 per chiamare un'ambulanza o andare direttamente al Pronto Soccorso (ospedale di emergenza) dell'ospedale più vicino.

La registrazione al SSN è caldamente raccomandata perché dà diritto allo stesso trattamento dei cittadini italiani. Ciò include: scelta di un medico di base, visitabile gratuitamente e che può indirizzare a medici specialisti (dentisti, ortopedia, ecc.); ammissione gratuita a ospedali pubblici o privati; medico in servizio di assistenza continua (guardia medica) gratuita; tasse più basse per i test e le analisi (analisi del sangue, test radiologici, ecc…).

Cittadini dell'UE

Si ha il diritto, tramite l'autorità sanitaria locale, ad ottenere la Tessera europea di assicurazione malattia (EHIC) che facilita l'accesso alle cure mediche di emergenza che potrebbero rendersi necessarie durante un soggiorno temporaneo (meno di 3 mesi) in un altro paese dell'UE.
Si può accedere direttamente al Servizio Sanitario Nazionale (SSN) senza pagare alcuna iscrizione.
Per un periodo superiore a 3 mesi, è richiesta la registrazione presso il Servizio Sanitario Nazionale (SSN). Per una copertura sanitaria completa è necessario ottenere il modulo S1 (vedi sotto). La domanda deve essere presentata presso le autorità sanitarie locali (Azienda Sanitaria Locale - ASL) in base all'area di residenza. Non ci sono tasse e la tessera sanitaria italiana (Tessera Sanitaria) sarà emessa immediatamente e gratuitamente dalla ASL.

Hai ricevuto un modulo S1 nel tuo paese d'origine, prima della partenza?

È possibile registrarsi gratuitamente al SSN visitando uno degli uffici ATS o AUSL (uffici sanitari locali). Per registrarti, si portino con sé i seguenti documenti:

• autocertificazione dell'iscrizione;
• Codice fiscale (codice fiscale);
• copia del passaporto / carta d'identità;
• Modulo S1 (rilasciato dall'autorità sanitaria nel paese dell'UE in cui si ha diritto all'assistenza sanitaria).

Cittadini non-Eu

La registrazione presso il Servizio Sanitario Nazionale può essere effettuata presentando la domanda presso una ASL (Assistenza Sanitaria Locale) in base alla città di residenza.

Documenti richiesti per la registrazione di cittadini non comunitari:

• Permesso di residenza o ricevuta della domanda presentata al Comune o autocertificazione;
• Carta d'identità e / o passaporto in corso di validità;
• Codice fiscale;
• Pagamento di € 149,77 presso le Poste sul c/c n. 370007;
• Certificato di iscrizione in un'università legalmente riconosciuta o autocertificazione.

Per ulteriori informazioni sul sistema sanitario italiano si visiti il link: http://www.salute.gov.it/portale/temi/p2_6.jsp?lingua=english&id=3879&area=healthcareUE&menu=vuoto

7. SERVIZI TELEFONICI

Tutti i servizi telefonici sono forniti da diverse società che offrono vari servizi e tariffe in base all'ora del giorno, al tipo di chiamata, ecc…
La maggior parte delle abitazioni ha una linea telefonica fissa, ma i telefoni cellulari sono estremamente popolari. I servizi di telefonia mobile sono offerti da diverse aziende a varie tariffe. Tutte le aziende hanno la possibilità di attivare carte prepagate (la possibilità più economica) o contratti.
Per registrarti con una delle aziende hai bisogno di:

• una carta d'identità o un passaporto validi;
• Il tuo codice fiscale.

Di solito occorrono alcune ore per attivare la carta.

8. NUMERI DI EMERGENZA

In caso di emergenza è possibile chiamare il 112 (uno-uno-due). Le chiamate saranno indirizzate a una singola Unità di assistenza, che ti metterà in contatto con l'autorità competente, come ad esempio:

• Carabinieri - http://www.carabinieri.it/;
• Polizia di Stato - http://www.poliziadistato.it/;
• Vigili del fuoco - http://www.vigilfuoco.it/;
• Ambulanza e cure mediche di emergenza - http://118italia.it/;
• Guardia di finanza - http://www.gdf.gov.it/

9. ALLOGGIO

Le università italiane dispongono di servizi per gli studenti e di alloggi e possono fornire informazioni anche sull'affitto di appartamenti per studenti, in genere più convenienti rispetto alle abitazioni sul mercato privato. Le tipologie più comuni di alloggio universitario sono i dormitori universitari (residenze universitarie e case dello studente), le foresterie (di solito per soggiorni brevi) e i collegi o residenze universitarie.
Per ulteriori informazioni consultare il seguente link http://www.collegiuniversitari.it/it/index.aspx .

L'ammissione alle residenze universitarie si basa generalmente su una selezione effettuata in base al reddito dello studente e al merito. È comune che gli studenti affittino una stanza piuttosto che l'intero appartamento.

Gli alloggi per studenti in Italia sono più costosi nelle città principali e possono andare da 300 a 600 euro al mese a seconda delle dimensioni e della posizione.

Si prega di notare che il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale non fornisce assistenza nella ricerca di un alloggio.

10. PAGAMENTO DELLA BORSA

La borsa sarà pagata con rate trimestrali. La prima rata sarà inviata solo dopo che l'Università avrà inviato al MAECI la prova dell’avvenuta iscrizione.

Si prega di essere consapevoli del fatto che la prima rata non sarà trasferita immediatamente. Inoltre si riceverà l'ultimo pagamento solo dopo che il MAECI avrà ricevuto il transcrip degli esami o una lettera del supervisore dall'istituto ospitante.

Per ulteriori informazioni o assistenza, si potrà contattare il referente del proprio paese presso il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Il funzionario responsabile per l'Argentina è la Dott.ssa Susi Baldasseroni (susi.baldasseroni@esteri.it)

PER ULTERIORI INFORMAZIONI VEDI IL SEGUENTE LINK


2000